Quando esco con mio figlio autistico mi insultano

Tra le persone che soffrono perché costrette a casa per colpa del coronavirus, ce ne sono alcune che proprio non possono fare a meno di uscire perché hanno un grave problema di salute come l’autismo.

Capita spesso che i ragazzi autistici, che passeggiando per strada accompagnati dai genitori , vengano presi di mira e insultati.

Qualche giorno fa l’episodio che ha rattristato e al contempo fatto arrabbiare una mamma. “Mentre eravamo a passeggiare vicino casa, proprio come vogliono le disposizioni, da un palazzo, con tanto di altoparlante, ci hanno urlato: andate a casa! Non paghi hanno anche azionato una sorta di sirena della polizia. Come fossimo delinquenti. Lorenzo si è spaventato moltissimo.

La legge dice che se un genitore o un adulto accompagna il ragazzo e porta con sé il certificato della legge 104 (che attesta la disabilità) non ci sono problemi.